BaggioToday

Nuovo stadio di Milano, c'è chi dice no: la rabbia di San Siro, fischi a Inter e Milan

Martedì le società hanno presentato il progetto al quartiere. E non è andata benissimo

Un momento della protesta - Foto MiaNews

San Siro, quartiere, non vuole il nuovo San Siro, stadio. È quanto ha decretato il particolarissimo derby che martedì sera è andato in scena al parlamentino del municipio 7, dove Inter e Milan - per una volta dallo stesso lato del campo - hanno presentato ai residenti del quartiere i progetti per il nuovo impianto. 

La risposta dei presenti - duecento circa, alcuni anche seduti a terra - non è stata di sicuro quella che si aspettavano le società, che hanno mandato in campo l'ad nerazzurro Alessandro Antonello e il presidente rossonero Paolo Scaroni. 

Ad accendere gli animi, praticamente subito, è stato proprio Scaroni, che parlano del quartiere ha detto che "San Siro è una landa desolata". Da lì la folla si è scaldata, proprio come in un derby, tra "buuu" da stadio e rivendicazioni al grido di: "Ma quale landa desolata, San Siro è un gioiello". 

I manifestanti, però, ne hanno fatto una questione più "aperta", generale. E la loro posizione è perfettamente riassunta nei cartelli che mostrano a più riprese. "No ad uno stadio davanti alle case", si legge su uno, mentre un altro dice "no cementificazione per ripianare i bilanci delle squadre". E ancora: "No centro commerciale a San Siro" e - altro no - "no allo stadio a trenta metri dalle case", per concludere con un "giù le mani da San Siro, no speculazione, no cementificazione". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Antonello e Scaroni, come due difensori messi alle corde dal pressing avversario, hanno cercato di difendere le loro posizioni e hanno spiegato che i progetti - la Cattedrale di Populous e gli anelli di Manica - non sono definitivi. Ma San Siro, quartiere, sembra aver già detto no e chiuso la partita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Milano, paga 15 euro ed esce dall'Esselunga con 583 euro di spesa: "Sono sudcoreana"

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

  • Bollettino coronavirus Milano: trovate altre 16 persone infette, risalgono i ricoveri

  • Hostess con febbre sul Ryanair Milano-Catania: paura per il covid

  • Sangue sul Sempione, schianto auto moto: morto ragazzo di 20 anni, gravissima l'amica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento