BaggioToday

Verbali zona 7, il Pd e la Lega chiedono le dimissioni del consigliere

Sembra definitivamente "scaricato" dal Pd il consigliere Verde al centro del giallo sulla manomissione di un verbale. Le opposizioni: "Ma spesso i verbali sono sbagliati"

L'aula del consiglio di zona 7 (foto Manuel Filini)

Lunedì sera in consiglio di zona 7 si è parlato ancora della vicenda che ha coinvolto i verbali della commissione mobilità del 2 ottobre, e in particolare della modifica dell'orario d'ingresso del consigliere dei Verdi. Come si ricorderà, il presidente della zona 7 Fabrizio Tellini aveva comunicato d'aver sporto denuncia contro ignoti per la manomissione del verbale, successiva alla chiusura della commissione.

Immediata la replica dei portavoce cittadini dei Verdi, che nel riconoscere l'errore del loro consigliere avevano "rilanciato" parlando di "mobbing politico" nei confronti di A.G. che andrebbe avanti da parecchi mesi e che avrebbe anche portato a riunioni tra il Pd e il Sole che Ride per affrontare il problema dei rapporti tra lo stesso consigliere e alcuni esponenti locali del Partito democratico.

Lunedì il Partito democratico, con una breve nota letta dal capogruppo Enea Coscelli, ha chiesto le dimissioni del consigliere da presidente della commissione edilizia e urbanistica. Un atto apparentemente distensivo, mentre si pensava piuttosto che il Pd avrebbe portato in consiglio di zona una mozione di sfiducia. Probabilmente è solo questione di tempo e il Pd ha voluto offrire all'alleato la possibilità di dimettersi piuttosto che sfiduciarlo.

Anche la Lega Nord ha presentato una mozione, chiedendo che venga calendarizzata nella prossima seduta. Ernestina Ghilardi, la capogruppo del Carroccio, ha chiesto che si ponga maggiore attenzione nella compilazione dei verbali delle commissioni, richiesta condivisa dalla capogruppo del Pdl Norma Iannacone ("In un verbale risulto aver votato sia favorevolmente sia astenendomi, ed è ovviamente impossibile"). Talvolta, secondo Lega e Pdl, non vengono nemmeno riportati gli orari di entrata e/o di uscita. In ogni caso il Carroccio, oltre a invitare A.G. a dimettersi da presidente della commissione edilizia e urbanistica, ha chiesto le dimissioni anche dei presidenti che non convocano le loro commissioni da oltre sei mesi.

Yoram Ortona (Nuovo Polo) ha a sua volta proposto che si appenda un orologio nella sala del consiglio e in quella delle commissioni per evitare che in futuro sorga qualsiasi genere di dubbio sull'orario di ingresso e di uscita dei consiglieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

  • Milano, lite in strada tra due donne per 50 euro: uomo le separa ma viene accoltellato

Torna su
MilanoToday è in caricamento