BaggioToday

Via Civitali 30, accordo tra Aler, Comune e abusivi per sgombero della palazzina

Da anni dovrebbero partire i lavori di ristrutturazione di due scale dell'edificio popolare di San Siro

Via Civitali 30

Dopo diversi tentativi di sgombero andati a vuoto, c'è un accordo tra Aler e gli occupanti abusivi di via Civitali 30, che "bloccano" la ristrutturazione delle scale C e D già in programma da anni. L'accordo è stato costruito "su misura" e su iniziativa diretta della prefettura milanese, che evidentemente non voleva più tentare prove di forza già fallite in passato, e ha coinvolto sia Aler (proprietaria dello stabile) sia il Comune e la Regione. 

Ciascuno farà la sua parte: 12 famiglie verranno prese in carico dall'Aler, altrettante dal Comune di Milano, e verrà loro dato un alloggio temporaneo, per 12 mesi (più altri 6 se avranno regolarmente pagato il canone di locazione), poi dovranno andarsene e, spiega Angelo Sala (presidente di Aler), "non è affatto una sanatoria: se non se ne andranno verranno sgomberati".

Particolarmente significativo quanto accaduto il 9 febbraio 2016: le forze dell'ordine erano pronte a intervenire massicciamente per sgomberare le due scale di via Civitali 30; per l'occasione era stato anche deviato il percorso dell'autobus 98. Ma era immediatamente partita la mobilitazione degli abitanti di San Siro: la chiamata a raccolta da parte del comitato vicino ai centri sociali fece radunare in via Civitali decine e decine di persone, che si piazzarono nel cortile interno impedendo di fatto qualunque ulteriore sviluppo. 

Sempre nel 2016, ma nel mese di settembre, il centro sociale Cantiere (insieme al sindacato inquilini Asia) organizzò un presidio davanti a Palazzo Marino chiedendo che Aler desistesse dall'ipotesi della ristrutturazione totale delle scale coinvolte. In quell'occasione Gabriele Rabaiotti, assessore alla casa nella giunta Sala, garantì ai manifestanti un "percorso di dialogo" per risolvere la situazione. Quel percorso si è evidentemente, nel frattempo, avviato. 

Nel mese di maggio 2018, con uno stallo ormai pluriennale, il grido d'allarme di un imprenditore, quello della ditta a cui sono stati affidati i lavori (che non sono mai potuti partire) di via Civitali 30: lavori per 800 mila euro che l'imprenditore non può riscuotere finché, per l'appunto, il cantiere non viene avviato. E il rischio di fallimento alle porte.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Quindi, fatemi capire. Se hai alle spalle qualche decina di imbecilli pronti alla guerra, in questo "paese" sei titolato a delinquere. Poco ci importa se un imprenditore e i suoi dipendenti sono a rischio fallimento (loro sono famiglie di serie B, rispetto ai vostri amici occupanti?), ma il nostro "beneamato" comune GARANTISCE (?????!!!!!!) una casa a 24 famiglie che sicuramente pagheranno l'affitto e sicuramente tra 18 mesi se ne andranno senza battere ciglio! Follia, follia perpetuata da incompetenti come il Sig. Rabaiotti che, evidentemente, vive su Marte. Sempre più convinta che questo paese, in mano a certa gentaglia, sia morto da un pezzo.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Milano, apre il nuovo Starbucks in centro: locale già pieno, c'è anche il Frappuccino

  • Rogoredo Corvetto

    Ubriaco e senza patente fugge dai carabinieri con la Ducati: preso dopo folle inseguimento

  • Attualità

    Skidome dove si scia al chiuso: in Lombardia ben due progetti, Arese e Selvino

  • Cronaca

    Rogoredo, in via Orwell lo spaccio continua attraverso un buco aperto nel muro

I più letti della settimana

  • Ecco l'inverno: con il grande freddo arriva la neve in Lombardia, fiocchi anche a Milano

  • Milano, rapina in farmacia, inseguimento e spari: arrestati una 18enne e un 19enne

  • Metro rossa bloccata tra Qt8 e San Leonardo: brusca frenata, 14 feriti, coinvolti 2 bambini

  • Milano, violenza sessuale sul bus: ragazzina aggredita e molestata a bordo in pieno giorno

  • "Ragazzi come zombie e mare di siringhe e rifiuti": sopralluogo al 'boschetto della droga'

  • Violenta rapina a Milano: nella gang c'è una ragazzina armata che poi spara ad un amico

Torna su
MilanoToday è in caricamento