BaggioToday

Trenno, zona franca di rave sudameriani: «Non ne possiamo più»

Il Gruppo Ecologisti Volontari di Zona 7 dà battaglia: "Non ne possiamo più di rave party notturni, la musica si sente fino in via Novara. Prima assemblee, poi scenderemo in piazza"

Il parco di Trenno da via Cascina Bellaria

Rave notturni al parco di Trenno. "E' dal 2005 che si fanno, prima i sudamericani stavano al Monte Stella, poi giustamente da lì li hanno allontanati e sono venuti qui". A dirlo a MilanoToday è Raffaele Mazzariello, del Gruppo Ecologisti Volontari di Milano, che si sta preparando a una mobilitazione degli abitanti.

Ci racconti meglio di questi rave.

E' semplice. Ogni weekend arrivano centinaia di sudamericani. Arrivano dopo l'ora di cena, entrando di fronte all'Harbour Club, e sono molto attrezzati: portano tutti gli strumenti per far musica con dei camion. E il baccano dura fino al mattino. Prima era un gruppo unico, poi devono avere litigato perché adesso si separano in due o tre gruppi diversi.

Chi ne soffre di più?

Sicuramente gli abitanti del quartiere "storico" di Trenno e quelli dei palazzi di via Novara di fronte al parco, parlo dei palazzi adiacenti al comando di polizia. Ma ultimamente ci hanno fatto sapere che la musica si sente anche in via Pinerolo (separata dal parco dalla pista ippica d'allenamento, ndr) e addirittura verso l'inizio di via Novara.

Nessuno ha fatto nulla per impedire questa "pratica"?

La polizia locale lamenta che l'organico è ridotto, inoltre il loro servizio finisce intorno alle 20.30. Bisognerebbe che un certo numero di viglii stia a presidio del parco per un'oretta, proprio alle 20-20.30, in modo da dissuadere coloro che arrivano per i rave alla spicciolata.

E il consiglio di zona se n'è occupato?

Faccio una premessa. Il problema sta anche nel fatto che Trenno è praticamente divisa in due consigli. La zona 7, in cui sono inclusi il parco e via Cascina Bellaria che lo costeggia, e la zona 8, che parte dalla fine del parco e include l'abitato di Trenno. Detto questo, il consiglio di zona 7, anni fa, fece una relazione di servizio, escludendo l'ipotesi di recintare il parco perché troppo onerosa. Da allora niente. Ma c'è anche il discorso delle grigliate...

Ci spieghi.

Durante il giorno, anche qui soprattutto nel weekend, vengono a fare i barbecue, purtroppo senza il rispetto dell'ambiente. Su questo punto noi avevamo proposto che almeno utilizzassero il vicino Bosco in Città, che dispone di un'area barbecue attrezzata.

Torniamo ai rave. Che cosa intendete fare?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Noi siamo disposti a scendere in piazza, come già abbiamo fatto per il problema della droga a Trenno. Intanto però abbiamo indetto due assemblee pubbliche, entrambe alle 18. Saremo lunedì 5 settembre presso il consiglio di zona 8 (in via Quarenghi) e martedì 13 settembre presso il consiglio di zona 7 (in via Anselmo da Baggio) in occasione della riunione congiunta delle commissioni sicurezza delle due zone. Contiamo sulla partecipazione dei responsabili dei comandi dei vigili e di qualche consigliere di zona. In queste occasioni leggeremo la famosa relazione di servizio che il consiglio di zona 7 redasse qualche anno fa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola e Coronavirus: "Incalzata, la ministra Azzolina ha abbandonato la chat. Surreale"

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Milano sono 900mila

  • "Sono affamato": l'Esselunga gli regala la spesa, e lui sputa in faccia al vigilante

  • Coronavirus, a Milano continuano a crescere i contagi. Oltre 9mila morti in tutta la Regione

  • Coronavirus, a Milano 411 nuovi positivi in 24 ore: "La curva dei contagi è preoccupante"

  • Coronavirus, 99 malati in più a Milano nelle ultime 24 ore. «Serve ultimo sforzo»

Torna su
MilanoToday è in caricamento