BaggioToday

L'incrocio "killer": strisce sull'asfato, "non servono a niente"

La polemica dopo l'intervento per ridurre il numero degli incidenti stradali

L'incrocio Civitali-Paravia (foto De Chirico)

Ennesimo incidente stradale tra via Civitali e via Paravia (San Siro), incrocio molto pericoloso perché tra due strade che si assomigliano sotto il profilo dell'importanza e della conformazione, per cui gli automobilisti lo raggiungono - purtroppo - ad alta velocità e senza rendersi bene conto dei doveri di precedenza.

Chi vive nella zona sa che si tratta di un intervento procrastinato da anni. Il consiglio di zona aveva elaborato alcune proposte sulla risistemazione di via Civitali. Ora sono arrivate strisce disegnate sull'asfalto per cercare di "indirizzare" automobilisti e altri utenti della strada nelle giuste direzioni e soprattutto indurli a tenere basse velocità.

"Queste strisce non sono una soluzione", replica Alessandro De Chirico, esponente locale di Forza Italia. "Chiediamo che si faccia un lavoro serio per interventi con la giusta progettualità negli incroci più pericolosi, pur con i pochi fondi a disposizione".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Dolore alla cervicale: i rimedi per combatterlo

  • Piante grasse in casa: ecco perchè fano bene alla salute

  • Disattivare le utenze: ecco come fare

I più letti della settimana

  • Sabato di maltempo a Milano: allerta meteo arancione della protezione civile per temporali

  • Milano, "tentato suicidio" a Famagosta: donna sotto la metro, la M2 ferma per un'ora e mezza

  • La Gomorra africana a due passi da Milano: spaccio, armi e sparatorie fra le gang rivali

  • Milano, polizia locale in lutto: morta Stefania, vigilessa di 40 anni della centrale operativa

  • Milano, nubifragi e grandine: il Seveso esonda due volte, strade e sottopassi allagati in città

  • Due scioperi in tre giorni, stop a metro Atm e treni Trenord: il mese infernale dei pendolari

Torna su
MilanoToday è in caricamento