BaggioToday

Milano, demolire San Siro, il sindaco Sala: due stadi a 50 metri di distanza sono impossibili

Sala ha confermato che la sua prima scelta sarebbe il recupero dello stadio esistente

Repertorio

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha detto che sul futuro dello stadio di San Siro finora Milan e Inter non hanno ancora ufficializzato la loro preferenza per la costruzione di un nuovo impianto a poca distanza, rispetto alla riqualificazione dell’impianto attuale, ma se lo faranno sarà inevitabile prevedere l’abbattimento del Meazza.

Sala ha confermato che la sua prima scelta sarebbe il recupero dello stadio esistente, ma ha anche aggiunto che non si può, come ha suggerito qualcuno, pensare di tenere l’attuale San Siro per i concerti e poco altro.

Sala: impossible avere due stadi vicini

“Ma come si fa? Avete idea di quanto costa la manutenzione? L’unica cosa che vedo con difficoltà è due stadi a 50 metri. Poi bisognerebbe anche sentire cosa ne penserebbero i comitati quartiere. Ora la palla è in mano alle squadre, finora abbiamo delle gran chiacchiere. Io sto fermo e aspetto che portino una proposta”, rispetto alla quale non c’è “nessuna tempistica”. In ogni caso, ha concluso durante l’evento “Milano vicina all’Europa” organizzato dall’associazione Cronisti in Comune, se Inter e Milan vogliono un nuovo stadio “credo si sia costretti a demolirlo”.

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Dolore alla cervicale: i rimedi per combatterlo

  • Piante grasse in casa: ecco perchè fano bene alla salute

  • Disattivare le utenze: ecco come fare

I più letti della settimana

  • Sabato di maltempo a Milano: allerta meteo arancione della protezione civile per temporali

  • Milano, "tentato suicidio" a Famagosta: donna sotto la metro, la M2 ferma per un'ora e mezza

  • La Gomorra africana a due passi da Milano: spaccio, armi e sparatorie fra le gang rivali

  • Milano, polizia locale in lutto: morta Stefania, vigilessa di 40 anni della centrale operativa

  • Milano, nubifragi e grandine: il Seveso esonda due volte, strade e sottopassi allagati in città

  • Due scioperi in tre giorni, stop a metro Atm e treni Trenord: il mese infernale dei pendolari

Torna su
MilanoToday è in caricamento