BaggioToday

L'Inter rinuncia a piazza D'Armi: addio al sogno di una "Pinetina bis" negli ex magazzini militari

Mercoledì sono state aperte le buste per l'ex sito militare di Baggio. Bando deserto

I

Niente Pinetina bis. E rilancio dell'area ancora rimandato. È andato deserto il bando per l'acquisto di Piazza d'Armi, il sito militare dismesso - ormai famosissimo - nel quartiere di Baggio. L'intera area, tra magazzini militari e parco verde, era stata sgomberata lo scorso marzo e poco dopo Invimit - la società partecipata del Ministero dell'Economia e Finanze che ne detiene la proprietà - aveva pubblicato online tutti i documenti per partecipare alle selezioni d'acquisto. 

E un acquirente, almeno così sembrava, c'era anche. Perché l'Inter aveva lasciato intendere di essere pronta a trasferire in zona il suo quartier generale, dando vita a una sorta di Pinetina bis - valore del progetto cento milioni di euro - con campi di allenamento, sede della società, un hotel e un centro medico. Ma alla fine da corso Vittorio Emanuele non è arrivata nessuna offerta e la rinascita dell'area - segnata da anni di degrado e abbandono - non ha ancora una strada da percorrere, almeno per ora. 

L'assenza dei nerazzurri - lo si intende benissimo dalle parole di Massimo Ferrarese, presidente Invimit - ha fatto tanto rumore. "Ci saremmo aspettati un’offerta di acquisto da parte della società Fc Internazionale Milano per Piazza d’Armi, come da essa stessa anticipato alcuni mesi fa - ha sottolineato il numero uno della società -. Ma considerato il mancato interesse al confronto competitivo concluso ieri, da oggi stesso partirà un’azione di valorizzazione più incisiva per quest’area”. 

“Questo passo indietro - ha detto Ferrarese - ci porterà comunque ad accelerare e rafforzare la nostra azione che era già iniziata liberando i magazzini dagli occupanti abusivi, aggiudicando la bonifica dell’intera area e programmando per i prossimi giorni i lavori di demolizione dei fabbricati fatiscenti. Immediatamente - ha concluso il presidente - avvieremo un’interlocuzione serrata con i vertici del comune di Milano per individuare le destinazioni più appropriate per l’intero compendio nell’ambito della prossima revisione del Pgt”.

E dal Municipio 7 arrivano già le prime reazioni. "La commissione speciale del nostro Municipio su piazza d'Arrmi non si è ancora mai riunita, dopo essere stata istituita di nuovo lo scorso 26 febbraio dopo la scadenza della precedente. L'ultima convocazione risale al 10 ottobre del 2017", fa notare Marco Caineri del Partito Democratico chiedendo che il Municipio si occupi dell'argomento. "Una buona occasione persa per riqualificare l'area in un ambito già a vocazione sportiva. Ci auspichiamo che al più presto quest'area acquisti una sua funzione e venga restituita alla città", è il commento di Tiziana Vecchio della Lega, assessore municipale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

  • Attimi di apprensione da Ikea: "Scatta allarme di evacuazione e fanno uscire tutti dallo store"

Torna su
MilanoToday è in caricamento